Intervista con Prof. Dr. Bastian Leutenecker-Twelsiek

Oggi abbiamo intervistato il Prof. Dr. Bastian Leutenecker-Twelsiek. Con l’inizio del semestre invernale 2020/21, il Dr. Leutenecker-Twelsiek assumerà una cattedra per lo sviluppo del prodotto e la prototipazione rapida presso il Dipartimento di ingegneria meccanica e di processo dell’Università di Scienze Applicate di Düsseldorf. In precedenza, ha lavorato per la società high-tech TRUMPF a Ditzingen, Baden-Württemberg, nel campo dell’Additive Manufacturing (AM) come responsabile della consulenza AM e dello sviluppo dei materiali. 

Prof. Dr. Bastian Leutenecker-Twelsiek / Photo provided by HSD

Iniziamo con una breve introduzione del suo lavoro. Può descriverci le sue attività e i suoi progetti attuali? 

Il mio insegnamento e la mia ricerca presso l’Università di Scienze Applicate di Düsseldorf (HSD) si concentrano sullo sviluppo di prodotti orientati alle applicazioni e sull’uso di processi di produzione additiva per lo sviluppo e la fabbricazione di prodotti. Un focus particolare è dedicato alla combinazione dei risultati della ricerca con un insegnamento orientato alla pratica in un ambiente interdisciplinare. Sono particolarmente interessato a lavorare con gli studenti per sviluppare il potenziale creativo di nuove idee e l’opportunità di fornire agli studenti gli strumenti appropriati per utilizzare questo potenziale per lo sviluppo di prodotti innovativi. In precedenza, ero responsabile della consulenza su tutti gli aspetti dell’offerta di tecnologia AM di TRUMPF. Sono stato intensamente coinvolto nella formazione e nella consulenza ai clienti sui metodi di additive manufacturing e sulle scelte dei materiali. 

L’Additive manufacturing (AM) sta diventando sempre più importante. Secondo lei, quali sono le differenze cruciali rispetto ai processi di produzione tradizionali? 

Uno dei principali vantaggi dell’additive manufacturing è la nuova libertà di progettazione e le possibilità di prototipazione rapida e produzione in piccole serie di un’ampia varietà di prodotti. L’AM può sostituire o supportare molte tecnologie di produzione. Geometrie particolarmente complesse possono essere implementate con facilità. Tuttavia, non appena sono richieste quantità maggiori e qualità dei materiali più elevate, l’AM incontra ancora delle sfide. La maggior parte delle tecnologie AM sono adatte solo per piccole produzioniInoltre, per un’ampia gamma di materiali, spesso, non si ottiene lo stesso livello qualitativo dei processi di produzione tradizionali. 

Spetta al dipendente determinare se le tecnologie AM esistenti siano un vantaggio per l’azienda. 

Che tipo di competenze e conoscenze ritiene siano necessarie per implementare con successo l’AM per i dipendenti con e senza background tecnico? 

Per i dipendenti senza un background tecnico è importante capire che l’additive manufacturing offre possibilità completamente nuove per la produzione. È possibile implementare metodi di risoluzione dei problemi moderni, come il Design Thinking, in cui è possibile produrre molto rapidamente prototipi funzionali e di design. 

I dipendenti con un background tecnico devono soprattutto sapere che sono possibili approcci progettuali completamente nuovi. Ciò richiede un nuovo tipo di sviluppo costruttivo del prodotto. 

Quando parliamo di acquisire conoscenze sull’AM, pensa che i corsi di e-learning siano un modo efficace per lo sviluppo delle risorse umane? 

I programmi di formazione avanzata, come i corsi online, offrono una buona opportunità per un primo approccio formativo sull’additive manufacturing. Possono illustrare le nuove possibilità della tecnologia e consentire ai dipendenti di valutare se una formazione più approfondita e specifica possa essere necessaria e interessante. Inoltre, i corsi di formazione online possono stimolare nuovi modi di pensare nell’ambiente dei dipendenti. Questi corsi possono anche incoraggiare i dipendenti a provare nuovi metodi di sviluppo.